Loading...
Biografia 2019-02-28T15:19:25+00:00

Marco Palombi, fotoreporter romano, dagli anni ’90 viaggia per raccogliere immagini e video per i suoi reportage dal mondo. Le minoranze etniche, i popoli nomadi e i contrasti tra occidente ed oriente diventano il fulcro della sua ricerca fotografica.

Dal 2007 pubblica  i suoi reportage su La Repubblica nella sezione “Mondo solidale” e su La Stampa.  

Tra gli ultimi paesi documentati: Haiti, Somalia, Repubblica Democratica del Congo, Sudan, Ecuador, Nicaragua, Mali, Burkina Faso, Libano, Iran, Oman, Irak, Kazakistan,  Kirghizistan, Tagikistan,Siria,Etiopia e Niger.

Il suo lungometraggio “Aspettando domani”) girato nella Repubblica Democratica del Congo, è stato proiettato in occasione del Festival Internazionale del cinema, cibo e videodiversità di Trento nel 2014.

Nel 2015 ha documentato dal porto di Augusta in Sicilia il dramma degli sbarchi di migranti, che ricevono le prime cure nei numerosi centri di accoglienza.

Nel 2017 in Kazakistan documenta il lavoro disumano dei minatori a meno 600 metri nelle miniere di Karaganda.

Nello stesso anno con Emergency in Sudan per il decennale dell’ospedale Salam Center a Khartoum.

I suoi ultimi reportage nel 2018 – 2019:
Etiopia – La diga che cancella popoli e tradizioni
Haiti – Malnutrizione e sicurezza alimentare
Siria – Nelle case dei bambini salvati dalla guerra
Niger – Migranti nella terra dei sospesi
Addis Abeba – Ragazzi di strada

Per l’artista Francesca Leone cura le foto per i suoi cataloghi.

Suoi scatti sono diventati copertine di libri:

Abdelkader Djemaï
Camping
(2003, nottetempo edizioni)

Maria Pace Ottieri
Quando sei nato non puoi più nasconderti
(2015, nottetempo edizioni).
Premio Grinzane Cavour 2003,
libro da cui Marco Tullio Giordana
ha tratto libera ispirazione per il film omonimo (2005).

al-Hakîm Tawfîq
Diario di un procuratore di campagna
(2015, nottetempo edizioni)